La fortuna pedagogica del De liberis educandis tra Umanesimo ed età moderna

Monica Ferrari

Abstract


The essay discusses, in a pedagogical perspective, the long fortune of the De liberis educandis, starting from the Latin translation by Guarino Veronese, one of the most illustrious exponents of Humanism, the vast and polycentric cultural movement that will leave a long-term mark on the ideas of education and society, as well as on the relationship between teacher and student in the teaching-learning processes, which were renewed thanks to the rediscovery of the Ancients. In particular, some topoi are ana­lyzed, which have been reinterpreted between Humanism and the modern age. Despite the different meanings attributed to them in specific contexts and circumstances, all of these topoi draw inspiration from some passages of the De liberis educandis, a book that over the centuries has become an authoritative text for all those who wanted to write about education.


Riassunto: Nel saggio si discute della lunga fortuna del De liberis educandis in prospettiva pedagogica, a partire dalla traduzione latina di Guarino Veronese, uno degli esponenti più illustri dell’Umanesimo, quel vasto, variegato e policentrico movimento culturale che lascerà un segno di lungo periodo nelle idee di educazione e di società, oltre che del rap­porto tra maestro e allievo nei processi d’insegnamento-apprendimento, rinnovati grazie a una riscoperta dell’antico. In particolare poi si analiz­zano alcuni topoi che, tra Umanesimo ed età moderna, sono stati rime­ditati e rivisti con diverse valenze in contesti e circostanze differenti, ma che traggono spunto da passaggi del De liberis educandis divenuto nei secoli uno dei testi autoritativi capaci di avvalorare l’opera di chi voleva scrivere di educazione.


Keywords


history of education; education of princes; humanistic pedagogy; loci communes; images of childhood.

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Iscrizione al Registro Operatori della Comunicazione R.O.C. n. 10757