Aver cura del disagio educativo: riscoprire il senso del metodo nella professionalità pedagogica

Cristina Palmieri

Abstract


Every age experiences discomfort, but the current one presents features that constitutes the discomfort a normal experience, that nobody avoid, and an extraordinary experience, that ends in declared pathologies or in extreme, violent or deviant, gestures. The article aims to show the continuity between normality and exceptionality of the discomfort, putting in question the common sense about it, that is to say that the discomfort belongs only to certain categories of persons, and that it can be controlled, or even cancelled, through specialized interventions.  More specifically, the article aims to show that such continuity is rooted in formal and informal education, and that the discomfort, as a way of being in the world that is learned by experience, is first of all an educational issue. Therefore, working as educators in discomfort requires both an adequate preparation and professional instruments. Rediscovering the sense of method in a professional culture inspired by the ethic of care can represent a perspective to take care of the educational discomfort.

Riassunto: Se ogni epoca è attraversata da disagio, quella attuale presenta caratteristiche specifiche che fanno del disagio un’esperienza normale, cui nessuno sfugge, e straordinaria, che esita in patologie conclamate o in gesti estremi, violenti o devianti. Lo scopo dell’articolo è di mostrare la continuità che esiste tra normalità e eccezionalità del disagio, erodendo le convinzioni, non solo di senso comune, che il disagio appartenga solo a determinate categorie di persone, e che possa essere controllato, se non eliminato, attraverso interventi specializzati. Più specificamente, si intende mostrare come tale continuità sia radicata nel tessuto educativo, e come il disagio, in quanto modo di essere nel mondo che si apprende attraverso l’esperienza, sia innanzitutto una questione educativa, che richiede adeguata preparazione e strumenti professionali per poter essere affrontata come tale. Riscoprire il senso del metodo all’interno di una cultura professionale orientata all’etica della cura può rappresentare dunque una prospettiva per aver cura del disagio educativo.

 


Keywords


educational poverty; ethic of care; educational experience.

Full Text

PDF

Riferimenti bibliografici


Antonacci, F. & Cappa, F. (a cura di) (2001), Riccardo Massa. Lezioni su la peste, il teatro, l’educazione, Milano: FrancoAngeli.

Bauman, Z. ([2001]2002a), La società individualizzata. Come cambia la nostra esperienza, Bologna: il Mulino.

Id. ([2000]2002b), Il disagio della postmodernità, Milano: Bruno Mondadori.

Id. ([2004]2005), Vite di scarto, Roma-Bari: Laterza.

Bertin, G.M. (2004), Educazione alla progettualità esistenziale, Roma: Armando.

Bertolini, P. (1988), L’esistere pedagogico. Ragioni e limiti di una pedagogia come scienza fenomenologicamente fondata, Firenze: La Nuova Italia.

Bertolini, P. & Caronia, L. ([1993]2015), Ragazzi difficili. Pedagogia interpretativa e linee di intervento, Nuova edizione aggiornata a cura di C.P.P. Barone, Milano: FrancoAngeli.

Bove, L. & Pervan, S.J. (2013), “Stigmatized Labour: an Overlookef service worker’s stress”, in Australasian Marketing Journal, vol. 21, pp. 259-263.

Caronia, L. (2011), Fenomenologia dell’educazione. Intenzionalità, cultura e conoscenza in pedagogia, Milano: FrancoAngeli.

Children, S.T. (2017), Futuro in partenza? L’impatto delle povertà educative sull’infanzia in Italia, Roma: Save the Children Italia.

Commission, E. (2016), Education and Training. Monitor 2016, Bruxelles: European Union.

Commission, E. (2017), Education and Training, Bruxelles: European Union.

Del Rio, G. (1998), Stress e lavoro nei servizi. Sintomi, cause e rimedi del burnout, Roma: Carocci.

Dewey, J. ([1916]1990), Democrazia e educazione, Firenze: La Nuova Italia.

Id. ([1938]2014), Esperienza e educazione, Milano: Raffaello Cortina.

Doll, W. (2006), “Method and its Culture: an Historical Approach”, in Complicity: an International Journal of Complexity and Education, vol. 3, n. 1, pp. 85-89.

Europee, C.D. (2005), Libro verde. Migliorare la salute mentale della popolazione. Verso una strategia sulla salute mentale per l’Unione Europea, Bruxelles: Comunità Europea.

Fadda, R. (2014), “Nell’universo della sofferenza. L’infermiere: dall’oggettivismo tecnicistico del curare al soggettivismo umanistico dell’aver cura”, in L. Mortari & A. Camerella (a cura di), Fenomenologia della cura, Napoli: Liguori, pp. 83-108.

Fargion, S. (2013), Il metodo del servizio sociale. Riflessioni, casi e ricerche, Roma: Carocci.

Ferrante, A. (2016), Materialità e azione educativa, Milano: FrancoAngeli.

Ferrario, P. (2013), Politica dei servizi sociali. Strutture, trasformazioni, legislazione, nuova edizione, Roma: Carocci.

Fook, J. (2012), Social Work: a Critical Approach to practice, second edition, London: Sage Publication.

Fook, J. & Gardner, F. (2007), Practising Critical Reflection. A Resource Handbook, Maidenhead: McGraw Hill.

Foucault, M. ([1963]1969), Nascita della clinica, Torino: Einaudi.

Id. (1994/1963), Storia della follia nell’età classica. Dementi, pazzi, vagabondi, criminali, Milano: Rizzoli.

Freud, S. (2010), Il disagio della civiltà e altri saggi, Torino: Bollati e Boringhieri.

Galimberti, U. ([2007]2008), L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani, Milano: Feltrinelli.

Giorgetti Fumel, M.C. (a cura di) (2012), Il tempo della precarietà. Sofferenza soggettiva e disagio della postmodernità, Milano: Mimesis.

Graham, J. & Shier, M.L. (2014), “Professions and workplace expectations of social workers: implication for social worker subjective well-being”, in Journal of social work practice, vol. 28, n. 1, pp. 95-110.

Heidegger, M. (1976), Essere e tempo, Torino: Longanesi.

Holland, S. (2010), “Looking after Children and the Ethic of Care”, in British Hournal of Social Work, vol. 40, pp. 1664-1680.

Iori, V. & Rampazi, R. (2008), Nuove fragilità e lavoro di cura, Milano: Unicopli.

Jones, C. (2001), “Voices from the Front Line: State Social Workers and New Labour”, in British Journal of Social Work, vol. 31, pp. 547-562.

Kearney, C.A. (2008), “School absenteism and school refusal behaviour in youth. A contemporary review”, in Clinical Psycology Review, vol. 28, pp. 451-471.

Kumaravadivelu, B. (2001). “Toward a postmethod pedagogy”, in Teachers of English to Speakers of Other Languages, vol. 35, n. 4, pp. 537-560.

Lascioli, A. (2001), Handicap e pregiudizio. Le radici culturali, Milano: FrancoAngeli.

Lipari, D. (1987), Idee e modelli di progettazione nei processi formativi, Roma: Edizioni Lavoro.

Lolli, F. (2012), “La società delle nominations: decadenza e perversioni del mondo capitalista”, in M. Giorgetti Fumel & F. Chicchi (a cura di), Il tempo della precarietà. Sofferenza soggettiva e disagio della postmodernità, Milano: Mimesis, pp. 137-148.

Manoukian, F.O. (2015), Oltre la crisi. Cambiamenti possibili nei Servizi sociosanitari, Milano: Guerini e Associati.

Massa, R. (1987), Educare o istruire? La fine della pedagogia nella cultura contemporanea, Milano: Unicopli.

Id. (2003), Le tecniche e i corpi. Verso una scienza dell’educazione, Milano: Unicopli.

Mortari, L. (2002), Aver cura della vita della mente, Firenze: La Nuova Italia.

Ead. (2006), La pratica dell’aver cura, Milano: Bruno Mondadori.

Ead. (2006b), Un metodo a-metodico. La pratica della ricerca in Maria Zambrano, Napoli: Liguori.

Ead. (2014), “Frammenti di una fenomenologia della cura”, in L. Mortari & A. Camerella (a cura di), Fenomenologia della cura, Napoli: Liguori, pp. 1-26.

Ead. (2015), Filosofia della cura, Milano: Raffaello Cortina.

Natoli, S. (2010), Il buon uso del mondo. Agire nell’età del rischio, Milano: Arnoldo Mondadori.

Noddings, N. (1984), Caring: A Feminine Approach to Ethics and Moral Education, Berkeley: University of California Press.

Id. (2014), “Teoria e pratica della cura in educazione”, in L. Mortari & A. Camerella (a cura di), Fenomenologia della cura, Napoli: Liguori, pp. 27-48.

Nussbaum, M. (2014), Creare capacità. Liberarsi dalla dittatura del Pil, Bologna: il Mulino.

Palmieri, C. (2000), La cura educativa. Riflessioni ed esperienze tra le pieghe dell’educare, Milano: FrancoAngeli.

Ead. (2011), Un’esperienza di cui aver cura... Appunti pedagogici sul fare educazione, Milano: FrancoAngeli.

Ead. (a cura di) (2012), Crisi sociale e disagio educativo. Spunti di ricerca pedagogica, Milano: FrancoAngeli.

Palmieri, C. & Prada, G. (2008), Non di sola relazione. Per una cura del processo educativo, Milano: Mimesis.

Payne, M. & Askeland, G.A. (2008), Globalization and International Social Work. Postmodern Change and Challenge, Burlington: Ashgate.

Pozzetti, R. (2012), “Nuove povertà: crisi economica e disinserimento sociale”, in M. Giorgetti Fumel & F. Chicchi (a cura di), Il tempo della precarietà. Sofferenza soggettiva e disagio della post-modernità, Milano: Mimesis, pp. 99-116.

Proposta di D.L. n. 2443, Disciplina delle professioni di educatore professionale socio-pedagogico, socio-sanitatio e pedagista (2017).

Sen, A. (2010), L’idea di giustizia, Milano: Mondadori.

Sennett, R. ([1999]1999]), L’uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale, Milano: Feltrinelli.

Tramma, S. (2009), Che cos’è l’educazione informale, Roma: Carocci.

Id. (2015), Pedagogia della contemporaneità. Educare al tempo della crisi, Roma: Carocci.

Traverso, A. (2011), “Progettare il quotidiano e l’emergenza”, in D. Parmigiani & A. Traverso (a cura di), Progettare l’educazione. Contesti, competenze, esperienze, Milano: FrancoAngeli, pp. 43-50.

Triani, P.P., Ripamonti, E. & Pozzi, A. (2015), Centra la scuola. Interventi di sistema per la grave dispersione scolastica, Milano: Vita e Pensiero.

Tronto, J. (2010), “Creating Caring Institutions: Policy, Plurality, and Purpose”, in Ethics and Social Welfare, vol. 4, n. 2, pp. 158-171.

Villa, L. (2008), Il lavoro pedagogico nei servizi educativi. Tra promozione, controllo e protezione, Milano: FrancoAngeli.

Villano, P. (2013), Fuori dai giochi. La psicologia di fronte all’esclusione sociale, Milano-Torino: Pearson.

Zannini, L. (2008), Medical humanities e medicina narrativa, Milano: Raffaello Cortina.

Zuccardi Merli, U. (2012), “Il disagio di una generazione al tempo della precarietà”, in M. Giorgetti Fumel & F. Chicchi (a cura di), Il Tempo della precarietà. Sofferenza soggettiva e disagio della postmodernità, Milano: Mimesis, pp. 37-56.


Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Iscrizione al Registro Operatori della Comunicazione R.O.C. n. 10757