Intercultura e educazione alla cittadinanza globale

Massimiliano Tarozzi

Abstract


Abstract

After a brief outline of the main reasons for the crisis of a ‘culturalist’ approach in education policies and practice, the Author introduces the Global Citizenship Education framing paradigm as a possible overcoming for the dilemmas of multiculturalism in education. He argues that national integration models are obsolete and that solutions consistent with the new global scenarios can emerge only from a supranational perspective. The Author introduces GCE in its origin, in its relationship with national citizenship education and in its various facets, also stressing the criticisms to it. In particular, he underlines the need to interpret it as a critical approach offering a possible response which can take into account at the same time equal universal rights and respect for individual and collective differences.

 

Riassunto

In questo articolo dopo aver esaminato brevemente le principali ragioni di crisi degli approcci ‘culturalisti’ nelle politiche e nelle pratiche educative, si propone l’approccio dell’educazione alla cittadinanza globale come un possibile esito dei dilemmi del multiculturalismo in educazione. La tesi è che i tradizionali modelli di integrazione nazionale siano obsoleti e che soluzioni più coerenti con i nuovi scenari globali possono emergere solo sul piano sovranazionale. L’educazione alla cittadinanza globale è introdotta nelle sue origini, nel suo rapporto con l’educazione alla cittadinanza nazionale e nelle sue varie declinazioni evidenziandone anche le critiche. In particolare si sottolinea l’esigenza di intenderla come un approccio critico in grado di offrire una possibile risposta capace di tenere in considerazione ad un tempo l’uguaglianza di diritti universali e il rispetto per le differenze individuali e collettive.


Keywords


multiculturalism; integration; universal rights; Global Citizenship Education

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Iscrizione al Registro Operatori della Comunicazione R.O.C. n. 10757