• 0,00 € EUR
    0
Benvenuto!

Cartografie sociali. Rivista di sociologia e scienze umane
Vol 1, N° 2 (2016) - Bisogna difendere l’umanità. I diritti umani tra pratiche di guerra, relazioni di potere, mobilità internazionale e resistenze

Sito web della rivista

Inserisci per primo una recensione

Lo sappiamo: lo slittamento della società verso un "patto di sicurezza" non è privo di costi in termini di diritti; la guerra si pianifica, così come la pianificazione dei diritti umani è ormai l'ordine del discorso, che spesso cela un "pianificare l'oppressione".

A partire da ciò, in questo numero di Cartografie Sociali proviamo a decostruire i discorsi sulle rappresentazioni narrative dell'Europa e dell'Africa, attraversando i centri di detenzione dei migranti in Belgio, le politiche di governo nei "quartieri sensibili" francesi, giungendo sino al territorio asiatico, con il conflitto di Kashmir; toccando il nervo scoperto della guerra ai diritti umani e cioè le mobilità palestinesi; analizzando il caso di "una democrazia occidentale esportata" ed edificata nell'Iraq post Saddam Hussein e ritornando al "nostro Sud" per parlare di mafia, di mobilità internazionale, di sudditanza economica e di criminalizzazione di una popolazione e di un territorio. Altrettanto spazio abbiamo deciso di dedicare alle resistenze, in particolare ai movimenti sociali Latinoamericani e ai movimenti per il diritto all'abitare a Napoli.

VERSIONE CARTACEA

Disponibilità: Disponibile

Prezzo:

Prezzo di listino: 25,00 €

Special Price 21,25 €

O
Email Stampa Facebook Twitter Google+ Digg Reddit LinkedIn Pinterest StumbleUpon Tumblr Bufferapp

Dettagli

Il faut défendre la société. È questo il reticolo enunciativo dal quale muove Foucault, nel Corso del 1976 al Collège de France; parte da qui per arrivare ad analizzare il biopotere, cioè quel potere che si applica globalmente alla popolazione, alla vita e ai viventi.

Da qui muove anche il nostro il faut défendre l'humanité, "bisogna difendere l'umanità", quale progetto politico e scientifico di riflessione su un'umanità centrale e centralizzata, che - come spiega lo stesso Foucault in Sorvegliare e punire (1976) - è effetto e strumento di complesse relazioni di potere, di corpi e forze assoggettate da molteplici dispositivi di sicurezza e prevenzione, contro patologie così come contro ogni possibile nemico che assuma le sembianze del terrorismo globalizzato.

In particolare, proviamo ad analizzare l'intricata "geografia" di discorsi sui diritti umani, studiandoli come un complesso di pratiche narrative mediante le quali è possibile dislocare popolazioni e territori secondo specifiche classi di rischio: stranieri, musulmani, arabi, criminali per nascita, terroristi etc..

Ancora una volta partiamo dai discorsi, quelli sui diritti umani, che inevitabilmente investono le tematiche della "razza" perché «la razza, il razzismo, sono - in una società di normalizzazione - la condizione di accettabilità della messa a morte» (Foucault 2009, p. 221). Del resto, la soglia di politicizzazione degli enunciati contro un popolo e un territorio viene oltrepassata nel momento in cui una costellazione di formazioni discorsive (enunciati scientifici e pseudoscientifici, giuridici, burocratici, mitici, profetici, apocalittici) definiscono le condizioni di accettabilità di pratiche e istituzioni che ordinano e amministrano l'esclusione, la criminalizzazione, la medicalizzazione e, infine, la messa a morte dei soggetti che minacciano l'integrità biopolitica di un'entità, cioè di un popolo, una nazione, una razza".

Nello specifico, in questo numero di Cartografie Sociali proviamo a decostruire i discorsi sulle rappresentazioni narrative dell'Europa e dell'Africa, attraversando i centri di detenzione dei migranti in Belgio, le politiche di governo dei migranti nei "quartieri sensibili" francesi, giungendo sino al territorio asiatico, con il conflitto di Kashmir; toccando il nervo scoperto della guerra ai diritti umani: le mobilità palestinesi; analizzando il caso di "una democrazia occidentale esportata" ed edificata nell'Iraq post Saddam Hussein e ritornando al "nostro Sud" parlando di mafia, di mobilità internazionale, di sudditanza economica e di criminalizzazione di una popolazione e di un territorio.

Altrettanto spazio abbiamo deciso di dedicare alle resistenze, in particolare ai movimenti sociali Latinoamericani e ai movimenti per il diritto all'abitare a Napoli.

Sito web della rivista

Ulteriori informazioni

Collana Cartografie sociali
Titolo Vol 1, N° 2 (2016) - Bisogna difendere l’umanità. I diritti umani tra pratiche di guerra, relazioni di potere, mobilità internazionale e resistenze
A cura di Marco De Biase, Stefania Ferraro
ISBN 978-88-5753-933-1
Pagine 378
Anno di pubblicazione 2016

Scrivi la tua recensione

Ogni utente registrato può scrivere una recensione. Per favore, accedi o registrati

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.