IL GOVERNO DEL SOCIALE

Il volume restituisce una riflessione su alcune dimensioni delle pratiche di amministrazione
della sfera del “sociale”, in particolare quelle che investono in maniera più diretta e immediata
la vita degli individui, con l’intenzione di decostruire alcuni regimi di verità sull’attuale
“governo del sociale".

Nei singoli capitoli si analizzano le anomalie della “promozione di sé”, i cui presupposti si basano sull’esaltazione delle capacità e delle responsabilità del singolo; i paradossi e le retoriche che accompagnano le trasformazioni del “sistema sociale” e del “sistema lavoro” in Italia; le azioni di programmazione dello spazio pubblico in termini di impresa sociale; le discrepanze della politica di riorganizzazione delle risorse economiche in “fondi”; la relazione tra decomposizione del welfare e il ruolo delle cooperative sociali; il rapporto tra retoriche
dell’innovazione e digital divide; le trasformazioni del modello sociale europeo. In ultimo, vengono presentati alcuni estratti di materiali relativi alle politiche giovanili a Napoli e a Salerno, e alle politiche territoriali nel salernitano.